Su di noi

Qualcuno ha deto di noi…
Ferdinando e Simonetta, in arte Tol jari, sono ricercatori nel campo del benessere attraverso l’espressione del “libero essere”.
Ferdinando, attestato da alcuni col titolo di “fantasiometra”, ha coniato per questo progetto il termine “Ham Turya”, la ricerca dell’essere neutrale attraverso il pensiero creativo.
È artista creativo, scrittore dallo stile Bardo e Romanziere, autore di racconti riflessivi come “Dolan Her – il tocco degli angeli” e “Liutan – il primo sciamano”, pittore onironauta e intagliatore. Attraverso le sue opere visive o scritte desidera descrivere lo stile della libera espressione e interpretazione.
Studia e pratica Core shamanism, termine coniato dall’antropologo Michael Harner fondatore dalla “the fondation for Shamanic Studies – California” e pioniere della riscoperta dello sciamanesimo nel mondo contemporaneo, dove si condensano e riducono al nucleo essenziale i metodi delle diverse tradizioni sciamaniche.
Nel campo del suono inizia gli studi degli strumenti vibrazionali formandosi come Gong Master con il maestro Don Conreaux e continuando a seguire il suo percorso con maestri dallo stesso formati Aydan McYntire e Christof Bernard. S’interessa di altri strumenti vibrazionali come le campane tibetane seguendo il maestro Tonla Shonam e continuando a sperimentare il mondo dei suoni vibrazionali attraverso strumenti arcaici come il Litofono, le campane di vetro e altro ancora. La sua ultima frontiera di esplorazione lo vede impegnato nello studio del sogno e dei sogni attraverso i quali trova ispirazione per i suoi lavori artistici e i suoi scritti.
Simonetta è artista autodidatta, pittrice e disegnatrice. Segue lezioni di canto esprimendolo in vocalizzi armonici. Studia e pratica Core Shamanism seguendo gli insegnamenti della “the fondation for Shamanic Studies”.
Inizia il suo percorso negli studi degli strumenti vibrazionali con il maestro Don Conreaux, continuando a seguire maestri dallo stesso formati Aydan McYntire e Christof Bernard. Ha studiato le campane tibetane con il maestro Tonla Shonam.
Senza darsi definizione alcuna, Ferdinando e Simonetta compagni nell’espressione artistica e di vita, nelle loro esecuzioni sonore si fanno promotori della filosofia del “Libero essere”, la libera espressione attraverso il pensiero creativo, sciolto dai vincoli e condizionamenti mentali per raggiungere una profonda conoscenza del proprio sé.

Articolo tratto  da un giornale locale

I commenti sono disattivati